Wishlist natalizia

Pubblicato il dicembre 20, 2011 di

5


Blenheim, 20 dicembre. Dopo un po’ di giorni dedicato alla cucina torniamo a parlare di noi. Non che sia accaduto nulla di spumeggiante nel corso dell’ultima settimana. Lavoro (poco), maltempo (parecchio), una gita domenicale tra i fiordi dei Marlborough Sounds ed una simpatica caduta verticale della temperatura che ci ha riportato per qualche giorno nella cara vecchia Italia.

Ne abbiamo approfittato cosi per definire i piani futuri, una pianificazione di lungo raggio come non succedeva da tempo. Natale e Boxing Day (S.Stefano) a Nelson, capodanno a Blenheim e poi via direzione Christchurch e, possibilmente, Queenstown per il campionato nazionale di Rugby 7 prima di imbarcarci verso nuove avventure targate AU.

Grazie al cielo quest’anno la lontananza da casa ci dispensa dalla pressione dei regali last minute…non che non fosse divertente ritrovarsi il 24 pomeriggio in centro a Torino in compagnia di un altro milione di disperati in cerca di uno straccio di idea su cosa regalare al cugino della cognata! Comunque io la lettera la scrivo lo stesso…non si sa mai che Babbo Natale passi anche da Blehneim.

Caro Santa (come ti chiamano da queste parti),

quest’anno non so se mi sono comportato molto bene…ho lasciato tutto per partire all’avventura. Qualcuno dice che sono coraggioso, qualcun altro non lo dice ma pensa che sia un po’ pirla. Io dico che sono fortunato: ho una ragazza splendida che mi segue nella mia follia, una famiglia che mi aspetta a casa nonostante tutto, qualche ottimo amico che mi considera pur essendo dall’altra parte del mondo e, last but not least, sto facendo un’esperienza incredibile.
Se proprio posso chiedere qualcosa, mi accontenterei che la salute continui ad accompagnare me ed i miei cari per il resto del 2012 (possibilmente anche oltre, ma sono realista e per ora mi accontento di non avere spiacevoli sorprese mentre sono a oltre 30 ore di viaggio da casa!). Mi rendo conto che, come per la pace nel mondo che chiedo dalla letterina di prima elementare, questo genere di cose spesso sono intangibili ed escono dalla tua sfera di competenza rendendo difficile la valutazione della tua performance annuale. Ti offro perciò la possibilità di essere valutato su un paio di target più tangibili e di breve periodo:
1. Macbook: dopo anni di onorato servizio il mio caro Acer non ce la fa proprio piu’ caro Santa… ci mette due ore ad accedersi e si pianta ogni 5 minuti, senza considerare che rende impossibile qualsiasi cosa che non sia la semplice lettura di email! Non proprio il compagno di viaggio ideale per un blogger giramondo…
2. maglia Stade: perche’ anche il rugbista piu’ grezzo vuole essere fashion ogni tanto!

Se poi, caro Santa, tu non riuscissi proprio a passare e volessi delegare mamma e papa’ come quado ero piccolo non farti grossi problemi, non mi offendo mica!

Colgo l’occasione per porgerti i miei piu’ sentiti auguri di Buon Natale e l’in bocca al lupo per una bunoa notte di lavoro,
Distinti saluti,

Daniele

Con Santa appuntamento al 25 dicembre, con tutti voi appuntamento al prossimo post per una sorpresa natalizia!
Cheers,

D.

About these ads
Pubblicato in: NZ project