Match day

Pubblicato il settembre 30, 2011 di

1


Nelson, 27 Settembre. Bisogna ammetterlo…lasciare la casetta sul mare con vista su baia per andare a vedere Italia-USA è stato uno sforzo non indifferente. Ho praticamente dovuto mettere Robi in macchina di forza per trascinarla a Nelson a vedere 30 energumeni darsele di santa ragione al posto di stare a mollo nella vasca idromassaggio a vedere il tramonto. E devo dire che vista la partita non si può neanche darle torto…secondo tempo soporifero e neozelandesi presenti allo stadio che se ne sono andati prima del fischio finale. Comunque sia, altri 5 punti messi in tasca e domenica tutti a Dunedin a giocarci la storia (sperando in un miracolo).

Per fortuna il giorno della partita è molto di più della sola partita. Prima c’è il rito del birrozzo pre-partita nella clubhouse del Nelson Rugby insieme a tutti quelli che stanno diventando i nostri “compagni di viaggio”, dai romani Fabio e Mauro al parmigiano Andrea, passando per tutti gli altri ragazzi da ogni parte d’Italia che di volta in volta incontriamo prima e dopo il match. A seguire c’è quello che oramai è il momento clou della partita: l’inno nazionale. Anche questa volta la nostra performance è stata molto apprezzata da neozelandesi ed americani che ci circondavano, con tanto di complimenti e calorose pacche sulle spalle. Infine, il post-partita, che per Italia-USA abbiamo deciso di trascorrere al Club Italia di Nelson a mangiare pizza. Club Italia in cui io e Robi siamo stati letteralmente rapiti dai neozelandesi seduti vicino a noi allo stadio che hanno insistito per offrirci da bere e farci sedere al loro tavolo dove ci hanno presentato tutti i loro amici. Ancora una volta siamo stati sopraffatti dall’ospitalità di questo paese incredibile…alcune delle persone al tavolo ci hanno dato i loro biglietti da visita dicendo di contattarli nel caso passassimo dalle loro città!

A conclusione della serata, sfuggiti dalle grinfie dei nostri amichevoli rapitori e ricongiunti con i nostri compagni di avventura (nel mentre il gruppo si era allargato con l’aggiunta di altri ragazzi tra cui spiccava Giulio, ragazzo travestito da Giulio Cesare di Roma che studia a York e vive a Sidney…) tutti a festeggiare nel centro di Nelson con alcuni giocatori della nazionale in libera uscita ed il simpaticissimo sindaco della città Miccio, di origine sorrentina.

Insomma, nonostante la partita non ci siamo proprio annoiati!

D.

PS mitica la nazionale stelle a strisce che a fine partita (essendo per loro l’ultima) si sono concessi ad un generoso giro di campo, con tanto di high five a tutti quelli che li hanno attesi!

20111001-103013.jpg

20111001-103036.jpg

20111001-103044.jpg

20111001-103052.jpg

20111001-103058.jpg

20111001-103104.jpg

About these ads
Pubblicato in: NZ project, RWC 2011