Terme con sorpresa

Pubblicato il settembre 26, 2011 di

2


Kaikoura, 25 settembre. Nonostante da queste parti sia il primo giorno d’estate (tanto che questa notte abbiamo spostato avanti l’orologio di 1 ora, ora siamo a +11 rispetto l’Italia), il meteo oggi non era della stessa idea. Considerata la temperatura abbiamo così deciso di lasciare perdere progetti circa nuotate con i delfini, surf o simili per immergerci nelle calde acque termali di Hanmers Spring.

Questa ridente cittadina nel mezzo del nulla, raggiungibile dopo 126 km di curve per un totale di 2 ore di macchina (e meno male che la ragazza della reception ci aveva detto 90 minuti…oramai ho capito che noi europei dobbiamo aggiungere il 25% del tempo alle indicazioni dei locali) ci ha però riservato non solo uno splendido panorama, ma anche la presenza dei giocatori della nazionale australiana in gita premio dopo la vittoria sugli Stati Uniti. Spuntata anche la voce “fare le terme in compagnia dei Wallabies” dalla check list delle cose da fare in Nuova Zelanda, ci siamo diretti in compagnia di un trio romano conosciuto nella vasca idromassaggio al pub del paese per goderci Samoa-Fiji tra birra e patatine. Peccato con il termine della partita fosse anche finito il tempo a nostra disposizione ad Hanmers Spring, il lungo viaggio di ritorno ci attendeva e con esso una copiosa grandinata (giusto perché al pub parlando con i nostri conviviali avevo appena detto “noi non abbiamo beccato la grandine!”…le ultime parole famose). Insomma, una giornata nata male e finita peggio, ma con un intermezzo piacevole e rilassante!

Da domani si torna verso Nelson per Italia-Stati Uniti…On the road again!

D.

PS purtroppo non ci sono foto a testimoniare il nostro incontro ravvicinato dovrete crederci sulla parola! E vi assicuro che gli australiani sono veramente grossi!

About these ads
Pubblicato in: NZ project, RWC 2011