Benvenuti al Sud

Pubblicato il settembre 20, 2011 di

2


Nelson, 19 Settembre. Giornata tranquilla quella del nostro sbarco al Sud. A parte la sveglia prestissimo per prendere il traghetto, il viaggio è stato tranquillo ed ad attenderci, come previsto, abbiamo trovato un meteo sereno-variabile, dove il variabile coincideva con pioggia.

L’arrivo a Picton è stato più piacevole del previsto: Wifi gratis alla biblioteca con cui caricare un pò di foto dei giorni passati e Fish&Chips ottimo grazie al pesce fresco catched, cut and cooked direttamente dalla pescheria in cui abbiamo mangiato (o almeno cosi citava il cartello). Ancora più gradevole è la strada panoramica che porta a Nelson: 115 km di curve con un vista mozzafiato sui fiordi del Marlborough Sounds, tanto che invece della canonica ora e mezza ci abbiamo impiegato quasi il doppio ad arrivare in città.
Nelson è una simpatica cittadina soleggiata (a parte per il nostro arrivo) in cui si respira un vero clima di festa mondiale. Ovunque ci sono riferimenti all’Italia, che qui ha la base, ed anche grazie alla forte comunità del Belpaese ci si sente un pò a casa. In compenso, al centro informazioni non siamo riusciti a capire quando e dove si allena l’Italia, ma abbiamo incontrato l’Addetto Stampa della Nazionale che ci ha lasciato il contatto e nei giorni a venire dovrebbe darci qualche “dritta”. Siamo però diventati membri del Nelson Rugby Club, il più antico del paese, dopo che casualmente siamo entrati nella sede del club ed abbiamo chiacchierato con l’ex-giocatore di rugby che gestisce la club house, un omone dall’aspetto rude e le orecchie scarciofate, ma che si è rivelato un bonaccione disponibile e pieno di consigli sul cosa fare in città e come trovare lavoro. Questo è il vero spirito neozelandese!

Ora non ci resta che sperare in una grande performance dell’Italia a Trafalgar Park…mi raccomando, martedi 20 tutti sintonizzati alle 9.30 (ora italiana) per Italia-Russia!

D.

Questa presentazione richiede JavaScript.

About these ads
Pubblicato in: NZ project, RWC 2011