Car owner!

Pubblicato il settembre 6, 2011 di

9


Oggi altra giornata all’insegna dell’anarchia. Infatti, come al solito non abbiamo resistito alla tentazione di stravolegere i nostri piani ed è così che invece che ad Auckland siamo finiti in un autosalone di North Shore City a provare macchine usate che sarebbero state battute all’asta nel pomeriggio. Certo a noi abitanti del bel paese può sembrare una cosa losca o da asta da giudiziaria, ma qui è del tutto normale comprare un’auto all’asta!

Stamattina, per mezzo della nostra abituale camminata di 30 minuti, ci siamo così recati all’autosalone, dove un consulente a dir poco svalvolato ci ha seguito durante il test drive di alcune autovetture, dandoci consigli su cosa acquistare, e soprattutto, dritte fondamentali su come si guida in NZ (non ci crederete, ma il fatto di marciare a sinistra è l’ultimo dei problemi!). Dopo un rapido ritorno a casa per saccheggiare i nostri risparmi in vista dell’asta ed una visita al centro commerciale (per un totale di altri 50 minuti di camminnata) in cui abbiamo attivato il nostro numero di telefono neozelandese e ritirato finalmente le nostre carte di credito, siamo tornati all’autosalone con il bus. Forse vi sembrerà superfluo questo elencare i minuti di marcia o il mezzo di trasporto adottato, ma è in realtà molto importante a capire il seguente principio: non importa quante ore di cammino fai, ma se l’autista del bus ti dice “non so di che fermata tu stia parlando” quando tu hai appena scaricato la cartina del bus da internet, allora è giunto il momento di comprare una macchina.

Con questa nuova consapevolezza abbiamo affrontato la nostra prima asta e tutto sommato non è andata niente male. La macchina l’abbiamo portata a casa (se si tratta di un affare di una sola sarà il tempo a dircelo) e con essa un’esperienza straordinaria. L’adrenalina del dover decidere in pochi secondi se rilanciare è impareggiabile, come impareggiabile è stato sentire il direttore d’asta urlare “He is back!” alla nostra offerta finale dopo un attimo di esitazione in cui avevamo lasciato ad altri il pallino del gioco, per poi contare fino a 3 ed aggiudicarci il lotto!
Purtroppo oggi niente foto, ma un piccolo assaggio di quella che è stata l’esperienza dell’asta.


A concludere alla grande la giornata ci hanno aiutato Derrick e Cheryl, i nostri padroni di casa, che ancora una volta si sono dimostrati estremamente gentili, prima aiutandoci a fare l’assicurazione per la nostra macchina e poi offrendoci vino neozelandese per festeggiare la nostra prima giornata da car owner. Da domani potremmo finalmente cominciare a gustarci a fondo la NZ !

D.

 

About these ads
Pubblicato in: NZ project